Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Search in posts
Search in pages
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Search in posts
Search in pages
+39 784 440684
info@edizionimaestrale.com
Login
Registrati
Carrello
Accedi
Carrello

Rossana Dedola, già ricercatrice e docente della Scuola Normale di Pisa, analista didatta e supervisore dell’Istituto C.G. Jung e dell’International School of Analytical Psychology di Zurigo, ha pubblicato tra gli altri libri: La via dei simboli. Psicologia analitica e letteratura italiana (Franco Angeli 1992); La musica dell’uomo solo. Saggi su Luigi Pirandello, Leonardo Sciascia, Primo Levi e Giovanni Orelli (Polistampa2000); La valigia delle Indie e altri bagagli (Bruno Mondadori 2006); Giuseppe Pontiggia. La letteratura e le cose essenziali che ci riguardano (Avagliano 2013); Roberto Innocenti. Le conte de ma vie (Gallimard Jeunesse 2015); Grazia Deledda. I luoghi gli amori le opere (Avagliano 2016); Pinocchio e Collodi sul palcoscenico del mondo (Bertoni 2019); In Sardegna con Grazia Deledda (Perrone 2020). È inoltre autrice della Introduzione a V. Lamarque, Poesie (Mondadori 2014) e della Prefazione a G. Deledda, Tutte le novelle (volume II; Il Maestrale 2019).

Petru Dumitriu. Nato in Romania nel 1924 e morto a Metz (Francia) nel 2002. Al culmine di una precoce celebrità nel paese di origine (Bijuterii de familie 1949; Cronică de familie 1955), nel 1960 lascia illegalmente la Romania e inizia una nuova carriera letteraria in Francia. È autore di un’opera consistente e importante, in rumeno e francese: romanzi, opere teatrali, saggi, tradotti in varie lingue. Questo romanzo (titolo originale: Le sourire sarde) fu pubblicato nel 1967 da Seuil e tradotto in inglese col titolo The Sardinian smile. Fra i romanzi recentemente riproposti in francese ricordiamo L'Homme aux yeux gris (Seuil 2005) e Incognito (Seuil 2007).

Mario Da Passano (Genova 1946 – Sassari 2005), studioso fra i più autorevoli della storia del diritto penale, ordinario di Storia del diritto italiano e preside della Facoltà di Scienze Politiche nell'Università di Sassari, città dove era arrivato nel 1975 per assumere il suo primo incarico d’insegnamento universitario. Autore e curatore di numerosi saggi e volumi, fra i quali ricordiamo: Delitto e delinquenza nella Sardegna sabauda (Giuffrè 1984); Dalla "mitigazione delle pene" alla "protezione che esige l'ordine pubblico". Il diritto penale toscano dai Lorena ai Borbone (Giuffrè 1988); Emendare o intimidire? La codificazione del diritto penale in Francia e in Italia durante la Rivoluzione e l’Impero (Giappichelli 2000); Le colonie penali nell’Europa dell’Ottocento (cura; Carocci 2004). In diversi contributi si è anche occupato di storia del vino e della viticoltura.

Massimo Dadea è nato a Nuoro nel 1950. È medico cardiologo. Ha scritto due libri: La febbre del fare (2009) e La maledizione libertaria (2014), editi da CUEC. L’omeopata è il suo primo romanzo.

Giuseppe Mariano Delogu (60 anni, nuorese, laureato in Scienze forestali) è dirigente del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale della Regione Sardegna. Autore di numerose pubblicazioni su riviste scientifiche nazionali e internazionali, vanta una lunga esperienza nella gestione forestale (per 15 anni alla Azienda per le Foreste Demaniali della Sardegna come direttore dei lavori) e nella lotta contro gli incendi boschivi, che lo ha visto partecipare “sul campo” a tanti eventi complessi.

Grazia Deledda (Nuoro 1871 - Roma 1936). Appena dotata di un’istruzione elementare, affronta volitiva la strada della scrittura letteraria e stabilisce vasti e importanti contatti culturali dalla piccola e appartata Nuoro. Nel 1899 conosce Palmiro Madesani che sposa nel gennaio 1900 e con lui si trasferisce a Roma, dove trascorrerà il resto della sua esistenza. Ai precoci e difficili esordi di fine Ottocento, segue una lunga serie di romanzi e novelle dove l’isola natale è eletta a luogo di ambientazione e oggetto di riflessione psicologica e antropologica. Il Premio Nobel per la Letteratura (1927), la consacra come una delle voci più alte della narrativa mondiale del Novecento.

 

Ludovica de Nava, laureata in Lettere Classiche alla Sapienza (1971) è stata ricercatrice universitaria dal 1974 al 1998 occupandosi del recupero di testi medievali e umanistici (vari saggi, pubblicati su «Lettere Italiane», «Archivio Storico Italiano», «Incontri Meridionali», «Quaderni medievali», «Messana» e un’edizione critica di una cronaca medievale: la Ystoria Serenissimi Rogerii di Alessandro di Telese, pubblicata nelle “Fonti Italiane per la Storia d’Italia”, Istituto Storico Italiano per il Medio Evo e Archivio Muratoriano, Roma). Accanto all’attività accademica ha coltivato anche una vena più creativa, pubblicando novelle e poesie in varie riviste e un romanzo, Il vivere sottile (Ediz. Associate 1998).

Giuseppe Dessì nasce a Villacidro nel 1909, frequenta il liceo a Cagliari e poi intraprende gli studi universitari a Pisa, dove entra in contatto con uno stimolante ambiente culturale. Ottenuta la laurea, frequenta gli intellettuali che gravitano intorno alla prestigiosa rivista «Letteratura». Insegna in varie città d'Italia e in seguito ottiene l'incarico di ispettore del Ministero della Pubblica Istruzione. Gli esordi come narratore risalgono al 1939 (i racconti de La sposa in città e il romanzo San Silvano). Seguono poi numerosi titoli fra cui Michele BoschinoI passeri (1953), Il disertore (1961). Muore a Roma nel 1977.

Alessandro De Roma è nato in Sardegna nel 1970. Ha esordito per Il Maestrale nel 2007 con il romanzo Vita e morte di Ludovico Lauter (Premio Dessí; Premio Vigevano Opera Prima; Finalista Premio Viareggio Opera Prima); cui sono seguiti La fine dei giorni (Il Maestrale 2008); Il primo passo nel bosco (Il Maestrale 2010); Quando tutto tace (Bompiani 2011) e La mia maledizione (Einaudi 2014). I primi due romanzi, Vita e morte di Ludovico Lauter e La fine dei giorni, sono stati tradotti in Francia per Gallimard.

Attilio Deffenu nasce a Nuoro il 28 dicembre 1890. Il padre Giuseppe è presidente della locale Società Operaia e Attilio coltiva da subito sensibilità democratiche. Nel 1905 è a Sassari per frequentarvi il liceo, collabora alla rivista socialista «La Via». Nel 1908, terminati gli studi liceali, si trasferisce a Pisa per frequentare la Facoltà di Giurisprudenza; qui si accosta agli ambienti anarchici e all’attivismo pacifista. Si laurea nel 1912 con una tesi su La teoria marxista della concentrazione capitalistica. Nel 1913 torna a Nuoro, medita di emigrare in America ma accetta l’incarico di corrispondente de «Il Giornale d’Italia» che svolge fino alla partenza per Milano, dove nel 1914 diviene consulente legale dell’Unione Sindacale e dà vita alla rivista «Sardegna». Ma il conflitto mondiale divampa e Deffenu si schiera a favore dell’intervento italiano. Una snervante trafila nelle retrovie dell’esercito, fra il 1915 e il 1917, non fiacca la convinzione interventista e nel 1918 è al fronte. Il 16 giugno, a Croce presso Fossalta di Piave, muore in combattimento.

EDIZIONI IL MAESTRALE
VIA MANZONI, 28 - 08100, NUORO
Contatti
TEL. +39 (0)784 440684
info@edizionimaestrale.com
Metodi di Pagamento
Distribuzione Mondadori-Libri
Servizio Clienti Librai - Customer Service Ceva - 
numero telefonico: 0385-569071
Chiudi
EDIZIONI IL MAESTRALE
VIA MANZONI, 24 - 08100, NUORO
cross
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuoto
    linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram