+39 784 440684
info@edizionimaestrale.com
+39 784 440684
info@edizionimaestrale.com
Login
Registrati
Carrello
Accedi
Carrello

Rossana Dedola, già ricercatrice e docente della Scuola Normale di Pisa, analista didatta e supervisore dell’Istituto C.G. Jung e dell’International School of Analytical Psychology di Zurigo, ha pubblicato tra gli altri libri: La via dei simboli. Psicologia analitica e letteratura italiana (Franco Angeli 1992); La musica dell’uomo solo. Saggi su Luigi Pirandello, Leonardo Sciascia, Primo Levi e Giovanni Orelli (Polistampa2000); La valigia delle Indie e altri bagagli (Bruno Mondadori 2006); Giuseppe Pontiggia. La letteratura e le cose essenziali che ci riguardano (Avagliano 2013); Roberto Innocenti. Le conte de ma vie (Gallimard Jeunesse 2015); Grazia Deledda. I luoghi gli amori le opere (Avagliano 2016); Pinocchio e Collodi sul palcoscenico del mondo (Bertoni 2019); In Sardegna con Grazia Deledda (Perrone 2020). È inoltre autrice della Introduzione a V. Lamarque, Poesie (Mondadori 2014) e della Prefazione a G. Deledda, Tutte le novelle (volume II; Il Maestrale 2019).

Petru Dumitriu. Nato in Romania nel 1924 e morto a Metz (Francia) nel 2002. Al culmine di una precoce celebrità nel paese di origine (Bijuterii de familie 1949; Cronică de familie 1955), nel 1960 lascia illegalmente la Romania e inizia una nuova carriera letteraria in Francia. È autore di un’opera consistente e importante, in rumeno e francese: romanzi, opere teatrali, saggi, tradotti in varie lingue. Questo romanzo (titolo originale: Le sourire sarde) fu pubblicato nel 1967 da Seuil e tradotto in inglese col titolo The Sardinian smile. Fra i romanzi recentemente riproposti in francese ricordiamo L'Homme aux yeux gris (Seuil 2005) e Incognito (Seuil 2007).

Giuseppe Mariano Delogu (60 anni, nuorese, laureato in Scienze forestali) è dirigente del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale della Regione Sardegna. Autore di numerose pubblicazioni su riviste scientifiche nazionali e internazionali, vanta una lunga esperienza nella gestione forestale (per 15 anni alla Azienda per le Foreste Demaniali della Sardegna come direttore dei lavori) e nella lotta contro gli incendi boschivi, che lo ha visto partecipare “sul campo” a tanti eventi complessi.

Grazia Deledda (Nuoro 1871 - Roma 1936). Appena dotata di un’istruzione elementare, affronta volitiva la strada della scrittura letteraria e stabilisce vasti e importanti contatti culturali dalla piccola e appartata Nuoro. Nel 1899 conosce Palmiro Madesani che sposa nel gennaio 1900 e con lui si trasferisce a Roma, dove trascorrerà il resto della sua esistenza. Ai precoci e difficili esordi di fine Ottocento, segue una lunga serie di romanzi e novelle dove l’isola natale è eletta a luogo di ambientazione e oggetto di riflessione psicologica e antropologica. Il Premio Nobel per la Letteratura (1927), la consacra come una delle voci più alte della narrativa mondiale del Novecento.

 

Ludovica de Nava, laureata in Lettere Classiche alla Sapienza (1971) è stata ricercatrice universitaria dal 1974 al 1998 occupandosi del recupero di testi medievali e umanistici (vari saggi, pubblicati su «Lettere Italiane», «Archivio Storico Italiano», «Incontri Meridionali», «Quaderni medievali», «Messana» e un’edizione critica di una cronaca medievale: la Ystoria Serenissimi Rogerii di Alessandro di Telese, pubblicata nelle “Fonti Italiane per la Storia d’Italia”, Istituto Storico Italiano per il Medio Evo e Archivio Muratoriano, Roma). Accanto all’attività accademica ha coltivato anche una vena più creativa, pubblicando novelle e poesie in varie riviste e un romanzo, Il vivere sottile (Ediz. Associate 1998).

Mario Da Passano (Genova 1946 – Sassari 2005), studioso fra i più autorevoli della storia del diritto penale, ordinario di Storia del diritto italiano e preside della Facoltà di Scienze Politiche nell'Università di Sassari, città dove era arrivato nel 1975 per assumere il suo primo incarico d’insegnamento universitario. Autore e curatore di numerosi saggi e volumi, fra i quali ricordiamo: Delitto e delinquenza nella Sardegna sabauda (Giuffrè 1984); Dalla "mitigazione delle pene" alla "protezione che esige l'ordine pubblico". Il diritto penale toscano dai Lorena ai Borbone (Giuffrè 1988); Emendare o intimidire? La codificazione del diritto penale in Francia e in Italia durante la Rivoluzione e l’Impero (Giappichelli 2000); Le colonie penali nell’Europa dell’Ottocento (cura; Carocci 2004). In diversi contributi si è anche occupato di storia del vino e della viticoltura.

Massimo Dadea è nato a Nuoro nel 1950. È medico cardiologo. Ha scritto due libri: La febbre del fare (2009) e La maledizione libertaria (2014), editi da CUEC. L’omeopata è il suo primo romanzo.

Giuseppe Dessì nasce a Villacidro nel 1909, frequenta il liceo a Cagliari e poi intraprende gli studi universitari a Pisa, dove entra in contatto con uno stimolante ambiente culturale. Ottenuta la laurea, frequenta gli intellettuali che gravitano intorno alla prestigiosa rivista «Letteratura». Insegna in varie città d'Italia e in seguito ottiene l'incarico di ispettore del Ministero della Pubblica Istruzione. Gli esordi come narratore risalgono al 1939 (i racconti de La sposa in città e il romanzo San Silvano). Seguono poi numerosi titoli fra cui Michele BoschinoI passeri (1953), Il disertore (1961). Muore a Roma nel 1977.

Alessandro De Roma è nato in Sardegna nel 1970. Ha esordito per Il Maestrale nel 2007 con il romanzo Vita e morte di Ludovico Lauter (Premio Dessí; Premio Vigevano Opera Prima; Finalista Premio Viareggio Opera Prima); cui sono seguiti La fine dei giorni (Il Maestrale 2008); Il primo passo nel bosco (Il Maestrale 2010); Quando tutto tace (Bompiani 2011) e La mia maledizione (Einaudi 2014). I primi due romanzi, Vita e morte di Ludovico Lauter e La fine dei giorni, sono stati tradotti in Francia per Gallimard.

Attilio Deffenu nasce a Nuoro il 28 dicembre 1890. Il padre Giuseppe è presidente della locale Società Operaia e Attilio coltiva da subito sensibilità democratiche. Nel 1905 è a Sassari per frequentarvi il liceo, collabora alla rivista socialista «La Via». Nel 1908, terminati gli studi liceali, si trasferisce a Pisa per frequentare la Facoltà di Giurisprudenza; qui si accosta agli ambienti anarchici e all’attivismo pacifista. Si laurea nel 1912 con una tesi su La teoria marxista della concentrazione capitalistica. Nel 1913 torna a Nuoro, medita di emigrare in America ma accetta l’incarico di corrispondente de «Il Giornale d’Italia» che svolge fino alla partenza per Milano, dove nel 1914 diviene consulente legale dell’Unione Sindacale e dà vita alla rivista «Sardegna». Ma il conflitto mondiale divampa e Deffenu si schiera a favore dell’intervento italiano. Una snervante trafila nelle retrovie dell’esercito, fra il 1915 e il 1917, non fiacca la convinzione interventista e nel 1918 è al fronte. Il 16 giugno, a Croce presso Fossalta di Piave, muore in combattimento.

EDIZIONI IL MAESTRALE
VIA MANZONI, 24 - 08100, NUORO
Contatti
TEL. +39 (0)784 440684
info@edizionimaestrale.com
Area clienti
Condizioni di vendita
Privacy
Cookies
Spedizioni
Registrazione
Consulta le FAQ
Metodi di Pagamento
Distribuzione Mondadori-Libri
Servizio Clienti Librai - Customer Service Ceva - 
numero telefonico: 0385-569071
Chiudi
EDIZIONI IL MAESTRALE
VIA MANZONI, 24 - 08100, NUORO
cross
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuoto
    linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram