Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Search in posts
Search in pages
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Search in posts
Search in pages
+39 784 440684
info@edizionimaestrale.com
Login
Registrati
Carrello
Accedi
Carrello
Ottobre 23, 2021
Leggendo il Pisurzi di Giancarlo Porcu

Due anni orsono il filologo nuorese Giancarlo Porcu ha pubblicato una ponderosa edizione critica dell’opera poetica del poeta logudorese Pisurzi: Le canzoni di Pisurzi. Edizione critica, Nuoro, Il Maestrale, 2017.

Pietro Pisurzi, insieme a Padre Luca, nome d’arte del padre scolopio Gian Luca Cubeddu, costituisce il maggior vanto della musa poetica del Logudoro tra il Settecento e la prima metà dell’Ottocento.

Giovanni Maria Demela Pesucciu o Pisutzu, poi universalmente noto come “Pietro Pisurzi”, era nato a Bantine, frazione di Pattada (SS), nel 1707. Sacerdote, ha vissuto per gran parte della vita nel paesello natale, di cui è stato Parroco e qui è morto nel 1796. È il più noto poeta logudorese del Settecento e sono celeberrime alcune sue composizioni poetiche come S’abe, (L’ape), S’anzone (L’agnella).

L’opera di Giancarlo Porcu, Le canzoni di Pisurzi. Edizione critica, Nuoro, Il Maestrale, 2017, è prefata da Paolo Cherchi, filologo di chiara fama, già docente di Letteratura italiana e spagnola presso l’Università di Chicago. Nella ponderosa edizione critica di Giancarlo Porcu sono presenti 19 cantones del poeta di Bantine, ossia le nove già pubblicate a partire dal 1863 dal canonico Giovanni Spano, e altre dieci di nuova attribuzione.

 

 

Finalmente la “filologia” applicata alla poesia sarda

 

Credo di poter dire che questo libro per l’opera di Pietro Pisurzi sia, anzitutto, un’opera importante e fondamentale nell’ambito degli studi condotti con rigore scientifico sulla poesia sarda, cosa non consueta. Un’opera “di peso”, dunque! Certo, a “digerirlo” tutto ci vuole costanza e passione. Ma devo dire che queste due “virtù” a me personalmente non sono mancate nell’affrontare la lettura di questo solido libro di critica testuale e di autentico “intelletto d’amore” per la poesia sarda. Ecco le mie più immediate impressioni e alcune riflessioni sul libro. Tre gli aspetti che mi hanno maggiormente colpito.

 

Continua a leggere la recensione sul sito della Fondazione Sardinia


Condividi questo articolo su
Lascia un commento
Iscriviti alla nostra newsletter
Blank Form (#1) (#2)
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter
Seguici su Instagram
Seguici su YouTube
Ultimi libri
La matta bestialità -Temperalapis - In libreria il 31 gennaio
vedi ORA
Sardegna Nuragica
vedi ORA
Dopo il divorzio
vedi ORA
Creazioni identitarie - Arte, cinema e musica in Sardegna dal secondo dopoguerra a oggi
vedi ORA
Sardegna come un’infanzia - In libreria dal 29 novembre
vedi ORA
La guerra di Pasca -
vedi ORA
EDIZIONI IL MAESTRALE
VIA MANZONI, 28 - 08100, NUORO
Contatti
TEL. +39 (0)784 440684
info@edizionimaestrale.com
Metodi di Pagamento
Distribuzione Mondadori-Libri
Servizio Clienti Librai - Customer Service Ceva - 
numero telefonico: 0385-569071
Chiudi
EDIZIONI IL MAESTRALE
VIA MANZONI, 24 - 08100, NUORO
cross
0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuoto
    linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram