+39 784 440684
info@edizionimaestrale.com
+39 784 440684
info@edizionimaestrale.com
Login
Registrati
Carrello
Accedi
Carrello
Ottobre 27, 2018
Quando l’amore è la risposta

«Questo paese è noto per i vini fermi, e per un’ospitalità che dispensa pecorino, salumi tagliati a coltello e arrosti maniacali». Il narratore di A tie solu bramo, romanzo di Giulio Neri edito da Il Maestrale, si serve del richiamo a un’immagine stereotipata della Sardegna turistica come introduzione alla storia che si accinge a raccontare. L’efficace strategia dell’incipit, che induce il lettore a credere che percorrerà strade note e già letterariamente battute, è rafforzata da un titolo che accarezza il senso profondo dell’identità sarda. Tratto dalla canzone Non potho reposare, il verso completa un processo di riconoscimento che chi tesse le trame del racconto si adopererà invece abilmente a smantellare. La narrazione, andando oltre ristretti confini, si farà infatti strumento per leggere il mondo e le guerre di civiltà che lo attraversano. Indagherà inoltre l’animo umano. A tie solu bramo non è quindi un romanzo sulla Sardegna, luogo da cui la storia procede e fa frequente ritorno. Il libro, seconda prova di Neri dopo Carta forbice sasso, insiste soprattutto sul conflitto vita-morte, tema caro a Céline in Morte a credito. Insinua, dove il nichilismo sembra trionfare, la forza risorgente dell’amore o il languore della sua assenza. In questa prospettiva Non potho reposare supera l’occasione antica della composizione e si propone come «canto remoto di un’attesa dietro la natura che sembra dormire e invece veglia nell’oscurità con animali acquattati che bramano, patiscono e muoiono».

Il lettore ne percepisce il valore universale perché quella melodia s’innalza in un contesto straniante: è voce intima di Clelia Boero. Cinquantenne torinese, vestita di un «eskimo stinto» che testimonia le rivoluzioni per cui ha combattuto, è protagonista della storia, centro di un romanzo corale che ha come prima quinta il paese del Sud Sardegna da lei scelto per un misterioso soggiorno. La sua venuta, enfatizzata dalla contiguità con «la locanda covo di senegalesi, pelandroni gurgugnao mantenuti dall’Unione europea», produce reazioni di sospetto. Fa scattare l’atteggiamento di pregiudizio che la comunità oppone a chi percepisca come estraneo, ancorché non straniero. Orlando, figlio dell’egiziano Mahfuz «il Beduino» e de «Sa bagassa de bidda», è nato all’ombra di quello stigma. Fulcro di incroci tormentati tra Oriente e Occidente, è anatomopatologo lucido davanti all’interpretazione della morte. Incerto – al pari degli altri personaggi del romanzo – di fronte al più arduo compito di leggere la vita.

Manuela Arca


Condividi questo articolo su
Iscriviti alla nostra newsletter
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter
Seguici su Instagram
Seguici su YouTube
Altre recensioni
Quelle venti ostetriche da Bologna nel Nuorese
LEGGI ORA
Lezioni d'autore. Da Cantarella a Mameli
LEGGI ORA
Storia di una levadora
LEGGI ORA
Quando il Duce spedì le levatrici in Sardegna
LEGGI ORA
Emilio Lussu in "La cancellazione", romanzo di Mariangela Sedda
LEGGI ORA
Resta in contatto
Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato con le nuove uscite, le ultime interviste e i prossimi eventi.
EDIZIONI IL MAESTRALE
VIA MANZONI, 24 - 08100, NUORO
Contatti
TEL. +39 (0)784 440684
info@edizionimaestrale.com
Area clienti
Condizioni di vendita
Privacy
Cookies
Spedizioni
Registrazione
Consulta le FAQ
Metodi di Pagamento
Distribuzione Mondadori-Libri
Servizio Clienti Librai - Customer Service Ceva - 
numero telefonico: 0385-569071
CLOSE
EDIZIONI IL MAESTRALE
VIA MANZONI, 24 - 08100, NUORO
cross
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram